Talk / Superflex

02.06.2011

Superflex è un collettivo artistico di origine danese fondato nel 1993 da Jakob Fenger, Rasmus Nielsen e Bjornstjerne Christiansen, la cui ricerca è focalizzata a problematiche sociali e territoriali legate prevalentemente alla produzione di energia, al copyright e alla democratizzazione dellʼinformazione.

I Superflex descrivono i loro progetti come Mezzi. “Un mezzo è un modello o una proposta che può essere usata attivamente e in seguito utilizzata e modificata dallʼutente”. Il processo artistico è considerato non in relazione alla sua espressione decorativa ma come unʼalternativa a soluzioni pratiche studiate per intervenire sulle strutture sociali e politiche delle aree in cui vengono sviluppate.

Nei loro progetti, il collettivo di artisti ha esplorato metodi di produzione di energia alternativa (Supergas) e la produzione di merci in Brasile, Tailandia ed Europa, mettondo in discussione le strutture economiche esistenti. In Guaraná Power é stata sviluppata una bevanda con i contadini locali che coltivavano bacche ricche di caffeina della pianta di guaranà; l’operazione non era necessariamente diretta a sottolineare un’oppozione al mercantilismo e alla globalizzazione, ma piuttosto a rendere visibili le strutture economiche del territorio ed ipotizzare un nuovo equilibrio.

Superflex ha ottenuto moltissimi riconoscimenti internazionali per i loro progetti. Hanno esposto alla Kunsthalle Basel in Svizzera, GFZK a Lipsia, in Germania, al Museo Mori di Yokyo, alla Galleria 1301PE di Los Angeles, al Museo di Hirshhorn e al Giardino delle sculture, e molti altri. Recentemente (2017) l’installazione di Supeflex “One, Two, Three, Swing!” è stata esposta nella Turbin Hall della Tate Modern di Londra.

 

http://superflex.net